BRONZI, SANTI E RIFUGIATI Nel saggio di Pietro Domenico Zavaglia un serio studio antropologico sulla realtà di Riace

Si può conoscere la realtà di Riace in maniera scevra da condizionamenti e posizioni precostituite? Certo che si può. Magari leggendo un saggio come “Bronzi, santi e rifugiati. Il caso di Riace” (2018, Castelvecchi editore) del 34enne antropologo e docente Pietro Domenico Zavaglia, uscito lo scorso mese di settembre quando le conseguenze delle operazioni giudiziarie a carico di Lucano e delle persone a lui più vicine si potevano solo intuire.

Nel suo attento lavoro di ricerca, Zavaglia, grotterese che vive e lavora a Roma, parte dalle date fondamentali della storia contemporanea di Riace: l’estate del 1972 quando vennero rinvenute le due statue greche subito custodite al museo di Reggio Calabria, e quella del 1998, quando sbarcarono i primi profughi curdi, accolti temporaneamente nella Casa del Pellegrino.

L’autore non si limita alla scarna cronaca dei fatti e al susseguirsi degli eventi, ma cerca e trova connessioni concettuali, culturali e, appunto antropologiche, sulle ragioni che hanno spinto a sviluppare i progetti di accoglienza, e una forma tutta tipica di turismo, col Riace Village che ospita ogni anno centinaia di visitatori attratti da questo modello unico di integrazione e convivenza pacifica tra autoctoni e rifugiati.

Dopo gli approfondimenti condotti, Zavaglia tiene conto delle ragioni e delle posizioni degli avversari politici di Lucano, dei lati positivi della sua attività e di quelli la cui prosecuzione appare inevitabilmente in bilico quando, al di là degli esiti delle iniziative giudiziarie a suo carico, terminerà il suo terzo mandato amministrativo.

Insomma, il saggio di Zavaglia è uno strumento indispensabile per conoscere la realtà di Riace senza per forza di cose essere intruppati nelle opposte tifoserie.

“Bronzi, santi e rifugiati verrà presentato il prossimo 26 dicembre alle 17,30 nello spazio culturale “MAG. La ladra di libri”. Gianluca Albanese dialogherà con l’autore. 

Ancora nessun commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.