TRACCE DI CUCINA IN CALABRIA Venerdì 23 a piazza Cavone l’incontro col ristoratore Pinuccio Alia

“Io non sono un cuoco, sono un ristoratore; uno che da sempre ha capito che in cucina deve metterci il naso e il palato. Perché il cuoco prepara i piatti, ma il ristoratore li deve offrire, li deve raccontare e deve leggere la gradevolezza degli stessi negli occhi dell’ospite: questa è parte fondamentale dell’accoglienza e del successo di qualsiasi ristorante”.

Pinuccio Alia “castrovillerese per nascita, sibarita per aspirazione” è l’autore del saggio “Tracce di cucina in Calabria” (2017, Città del Sole edizioni) che verrà presentato venerdì 23 agosto alle 21.30 a piazza Cavone in Siderno Superiore, nell’ambito degli eventi connessi alla mostra di Lawrence Ferlinghetti che si tiene a palazzo Falletti, dal titolo “L’Ulisse calabrese”.

Nel suo libro, Pinuccio Alia presenta numerose ricette inserendoci storie, musica, poesia e letteratura, privilegiando il criterio della stagionalità che impone l’utilizzo di materie prime fresche, mettendoci quell’armonia e quel tocco di originalità tipico del jazz, suo genere musicale preferito.

Se ne discuterà, con la verve e la simpatia tipiche del ristoratore castrovillerese, venerdì 23 a piazza Cavone.

Dopo i saluti del presidente del comitato pro piazza Cavone Aldo Caccamo, Gianluca Albanese dialogherà con l’autore, col prezioso supporto della giornalista Emanuela Alvaro, esperta in enogastronomia.

Ancora nessun commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.